Villa Appia

Questo edificio è composto da villa padronale, oratorio una barchessa e un vasto parco, è circondata da vari ettari di campi dove un tempo veniva coltivato il granoturco, era una dimora semplice nonostante avesse un’importante storia anche i proprietari  vivevano semplicemente senza tanti fronzoli. Sembra che le statue dell’oratorio siano state scolpite da uno scultore veneto del 600. Inoltre abbiamo scoperto che l’oratorio veniva utilizzato fino a poco tempo fa per celebrare messa per gli abitanti del posto

Non sveleremo il suo nome e l’ubicazione, quindi se la riconoscete non scrivetelo

L’esplorazione di oggi è stata una continua sorpresa, siamo venuti fino a qui perché ci sono state segnalate due auto abbandonate, bé non due auto da poco ma bensì due Lancia d’epoca ed è per questo motivo che nel mondo degli urbex, questa dimora viene chiamata villa del Lancista, in realtà come molto spesso succede in questo fantastico mondo i luoghi hanno più di un nome e questa grazie alla coltivazione di granoturco viene chiamata anche villa Cereali. Bene dopo questa breve introduzione procediamo con l’esplorazione, appena arriviamo notiamo questa villa esternamente davvero poco interessante da un lato un piccolo oratorio e dall’altro la barchessa, noi appunto ci dirigiamo verso quest’ultima ed è qui che troviamo queste due meraviglie: una Lancia Appia e una Lancia Fulvia e visto che i chilometri percorsi oggi sono stati fatti solo per vedere lei, abbiamo deciso di chiamare questo luogo villa Fulvia. Armati di reflex e videocamera iniziamo i nostri scatti e le riprese affascinati di qualsiasi dettaglio che ci propongono queste due meraviglie quasi non ricordando che attorno a noi ci fosse anche altro. Dopo una mezz’ora abbondante decidiamo di andare a dar una sbirciata anche alla villa, consapevoli che molto probabilmente la parte più bella l’avevamo appena vista, ma una volta all’interno ci rendiamo conto che le due Lancia erano solo l’antipasto dell’esplorazione che era appena iniziata, qui non sappiamo da dove iniziare e tutt’ora non sapremmo come descrivere tutto quello che abbiamo trovato pertanto lo faremo a nostro modo, attraverso a questo video che è il modo che ci riesce meglio.. ma, visto che l’esplorazione è stata davvero lunga, non vi sveleremo tutto dovrete aspettare che il video finisca per trovare la ciliegina sulla torta come l’abbiamo trovata noi.

Visita la foto gallery completa.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre foto metti un like alla nostra pagina Facebook ed iscriviti al Canale

Anche se dalle nostre foto e dal nostro video potrebbe non sembrare, questi luoghi son davvero molto pericolosi, pertanto vi invitiamo a non imitarci, ed anche se noi sappiamo bene quello che facciamo la percentuale di rischio in questi luoghi è davvero altissima anche per noi.