Una scuola Pazzesca

La struttura fu costruita nel 1906 come casa di cura climatica. Nel 1927 fu ampliata per ospitare i ragazzi durante l’estate, poi negli anni ’50 fu adibita a seminario minore per i ragazzi di scuola media della provincia. La nuova grande casa fu costruita nel’64, ospitò il ginnasio e il noviziato della Congregazione, gli alunni per l’orientamento vocazionale, dei fratelli anziani, funzionando come centro di ospitalità per incontri  spirituali e pastorali e come sede di vacanza. Negli ultimi anni è stata a disposizione delle necessità del territorio per anziani, malati psichici e bambini.

L’istituto dispone di un’area esterna di cui una parte adibita a parcheggio e un’ampia zona cortile che offre, un campo da calcio,  un campo da pallacanestro e due zone adibite a campi da calcetto.

Andando progressivamente perdendo la propria funzione di Casa apostolica, l’immobile iniziò a svolgerne una di servizio nei confronti della comunità della cittadina che la ospitava, garantendo ospitalità temporanea agli istituti scolastici di vario ordine e grado per cui venivano realizzate nuove sedi oppure le cui sedi erano interessate da lavori di adeguamento e ristrutturazione. Qualcuno ricorda che anche una scuola dell’infanzia venne ospitata nell’edificio, nella prima parte dello scorso decennio, quando la sua sede fu oggetto di un intervento di ristrutturazione. Tale funzione di servizio si articolò anche nell’utilizzo dell’immobile a favore degli ospiti della casa di riposo ed ancora per i malati psichiatrici.

Quest’oggi vi porteremo all’interno di una struttura veramente inquietante, Bé in realtà lo è stato per noi nell’esplorarla. L’uscita di oggi è stata la nostra prima esplorazione fatta sapendo che, all’interno dell’edificio che stavamo visitando, c’erano anche altre persone. Si mentre esploravamo questo luogo sentivamo dei rumori, onestamente nei posti abbandonati si sentono sempre rumori sospetti, una goccia d’acqua che cade su un asse di legno, nel più completo silenzio, può sembrare chissà che altro rumore e il cervello può farti fare strani pensieri. Questa volta i rumori erano diversi e la presenza di qualcuno si sentiva veramente, ma vista tutta la strada fatta per arrivare fino a qui, abbiamo comunque deciso di portare a termine la nostra missione.

Camminiamo in punta dei piedi e cerchiamo di far meno rumore possibile per non farci notare, in questi luoghi d’altronde possiamo trovare mal intenzionati, ma dopo una decina di minuti al suo interno notiamo due ragazzi.. meno male..!! questi hanno tutto fuorché l’aria di mal intenzionati anzi, stavano li nascosti per fumare in tranquillità, a questo punto anche i nostri nervi cominciano a rilassarsi e terminiamo questa esplorazione in santa pace..

Non vi sveleremo nulla di quel che abbiamo visto qui dentro ma lasceremo che le nostre foto e il nostro video parlino per noi.

Visita la foto gallery completa.

Se ti piacciono i nostri articoli non dimenticare di mettere un like alla nostra pagina Facebook