Tornare Bambini

Questo parco nasce negli anni ’90 era il parco giochi più frequentato della città. 25.000 metri quadrati di paradiso immerso nel verde.  Un luogo che comprendeva  una mega-palestra, il bowling, un palachildren, una piazzetta per la musica e le esibizioni di ballo liscio, un’ampia sala biliardi, un minigolf ed uno spazio ben attrezzato per bar e ristorazione, una piscina esterna e una interna con scivoli. Ha funzionato per molti anni, era un luogo di svago sia d’estate che d’inverno per tutta la famiglia,  travolto dalla  crisi finanziaria  e una tromba d’aria che lo mise a k.o.

Sembra proprio che una tromba d’aria lo abbia travolto, siamo in compagnia dei nostri amici e compagni d’avventure Zhurbex e Albus, entriamo e ci accorgiamo fin da subito la devastazione e il silenzio assordante che ci accoglie, ma iniziamo subito a vedere i primi segni di un incredibile parco con macchine per bambini ancora intatte, macchine a gettoni che un tempo davano i regali o spingevano i soldi, palline colorate ovunque, sembriamo tornare adolescenti ci guardiamo attorno e ci accorgiamo che questo parco è enorme. La vera sorpresa è stato trovare un bowling ancora abbastanza intatto, infatti scarpe birilli e palle da bowling sono sparse un po’ ovunque, senza parlare di quello che è stato vandalizzato, un’altra bella sorpresa è stato trovare le piscine con gli scivoli interni e un’altra grande piscina esterna che al momento sembrava più una pista di ghiaccio dove andare a pattinare visto che oggi è una gelida giornata d’inverno. Ovunque ci giriamo c’è un qualcosa che ci entusiasma è come tornare bambini e il nostro solito silenzio nell’esplorare questi luoghi, oggi non ci accompagna.

Visita la foto gallery completa

Se ti piacciono i nostri articoli non dimenticare di mettere un like alla nostra pagina Facebook