Scuola Tazzoli – Padova

Questa Villa sorge in una località che non scriveremo il nome, ma secondo alcune interpretazioni indica l’altura che un tempo ospitava una delle cinque torri di guardia erette nel medioevo a difesa della campagna Padovana, proprio dalle rovine della struttura di vedetta, situata a ridosso di un canale viene eretta l’attuale Villa, che nel corso degli anni ha dato vita a una dinamica scuola elementare e asilo. Ora la struttura è proprietà del comune che punta alla vendita del complesso, sperando di garantire il rilancio che merita.

L’ esplorazione sembra interessante nonostante sia tutto in stato di abbandono, iniziamo dal primo edificio distaccato dal resto del complesso e ci troviamo davanti a una piccolissima aula con delle sedie altrettanto piccole, per un attimo torniamo indietro con gli anni al ricordo di quand’eravamo bambini. Usciti da questa aula troviamo delle scale ma sembra impossibile salirci dai tanti fascicoli e libri che la ricoprono, leggendo questi documenti ci accorgiamo che non sono relativi alla scuola ma ben altro, documenti lasciati così a marcire e in mano a chiunque possa passare. Subito dopo entriamo nella vera scuola e troviamo varie stanze piene di cose: Tv, vestiti vari, trofei e materassi accatastati uno sopra l’altro, poco o nulla che ci faccia pensare a una scuola, più avanti troviamo altre scale e risalendole notiamo quel poco che rimane delle vecchie aule: una lavagna, delle sedie e dei banchi con ancora appoggiati sopra dei disegni, forse lasciati dai bambini che un tempo frequentavano questa scuola. Facciamo qualche foto, poi ci giriamo e notiamo ancora scale, salendole capiamo che son passati molti anni dall’abbandono, c’è puzza di escrementi di piccione e qualcuno di questi è rimasto intrappolato su delle corde appese sui travi della soffitta, forse venivano usate proprio per intrappolarli ma non ne siamo sicuri. Ad un certo punto vediamo una cosa che ci fa spaventare, è la presenza di 3 statue bianche, o forse un tempo lo erano, raffiguranti un uomo seduto una donna inginocchiata e un bambino su una specie di culla, poi sorridiamo e ci rendiamo conto che probabilmente era il presepe della scuola. Questo luogo ci ha fatto tornare indietro di qualche anno pensando a come tanti bambini fossero passati di li a giocare senza tante regole e norme di sicurezza che abbiamo noi oggi nelle strutture scolastiche.
Vi lasciamo alla visualizzazione delle nostre foto e se questo articolo vi è piaciuto ricordatevi di lasciare un like alla nostra pagina Facebook

Visita la foto gallery completa