Poveglia – Venezia

L’isola di Poveglia  e situata a sud-ovest della laguna veneziana, di fronte a Malamocco.
Anticamente era denominata “Popilia”,  forse a causa della presenza di numerosi alberi di pioppo, o forse in onore del Console romano Popilio Lena, che aveva fatto costruire la parte settentrionale della via Emilia-Altinate.
Nel 421 l’isola fu occupata dai profughi fuggiti dalle città di Padova e d’Este a causa delle invasioni barbariche. Nell’anno 809 gli abitanti dell’isola si trasferirono nella zona di Rivoalto (attuale Rialto) a causa della guerra di Pipino re di Francia contro Venezia.
Nell’864 venne ucciso il doge Pietro Tradonico (13° doge) a seguito di una congiura. I servi del doge si barricarono nel Palazzo Ducale chiedendo “giustizia” per l’avvenuto omicidio. Il nuovo doge, Orso Partecipazio, riuscì a trattare con la servitù del suo predecessore e permise loro di abitare nell’isola di Poveglia, concedendo  ai nuovi  abitanti diversi privilegi.
Nell’isola venne costruita una chiesa, con campanile, convento e cavana. L’isola si popolò di circa duecento famiglie, che dopo un secolo si erano moltiplicate ed avevano edificato più di ottocento case, avviando la coltivazione di campi e orti. Fu anche realizzata la costruzione di un castello fortificato.
L’amministrazione dell’isola era anticamente tenuta da un Tribuno, poi da un Gastaldo Ducale ed infine da un Podestà. Nel 1379 fu deciso dal Senato lo smantellamento del castello fortificato.
Durante la guerra di Chioggia (contro i genovesi), gli abitanti di Poveglia si trasferirono alla Giudecca. Finita la guerra, i povegliani ritornarono in isola, ma la trovarono erosa dalle acque. In seguito la popolazione diminuì sensibilmente, ma per chi decideva di restare furono offerti molti privilegi, come quello di non pagare le tasse, di fare la scorta d’onore al Bucintoro durante la Festa della Sensa, la libera compravendita del pesce per gli anziani e l’esenzione dal servizio militare.
Nel 1527, il magistrato alle Rason Vecchie, che controllava gli interessi di Poveglia, offrì l’isola ai Camaldolesi, che però non l’accettarono. Nel 1777 l’isola passò sotto la giurisdizione del Magistrato alla Sanità. Dal 1793 al 1799, Poveglia fu trasformata in un lazzaretto provvisorio, in quanto su due navi in transito in laguna era scoppiata la peste.
Tra il 1805 e il 1814 l’isola venne nuovamente utilizzata come lazzaretto, essendo tra l’altro piuttosto distante da Venezia. Sotto la dominazione francese, la chiesa venne chiusa. Al suo interno c’era un bel pavimento di marmo, un Crocefisso e una tavola del Tiziano. Il Crocefisso ora è conservato nella chiesa di Malamocco.
Durante l’occupazione austriaca, il campanile della chiesa venne utilizzato come faro.
All’inizio del Novecento l’isola fu utilizzata come luogo di convalescenza per lunghe malattie e come casa di riposo per anziani, ma dal 1968 anche questo utilizzo venne dismesso e l’isola fu ceduta al Demanio.
Nel 2013, assieme a San Giacomo in Paludo, Poveglia è stata messa in vendita per essere recuperata a fini turistici. Nell’aprile del 2014 è nata un’associazione senza fini di lucro, Poveglia per tutti, con lo scopo di partecipare al bando del demanio per aggiudicarsi il possesso dell’isola per 99 anni e permetterne l’uso pubblico .………. Fonte  http://laltravenezia.blogspot.it/2014/05/isola-di-poveglia.html

Finalmente dopo una lunghissima attesa siamo riusciti ad esplorare Poveglia, abbiamo dovuto faticare parecchio nell’organizzare questa uscita, essendo un isola e non essendo muniti di un imbarcazione, l’impresa è stata ardua ma alla fine ce l’abbiamo fatta.

Poveglia è solo la prima delle moltissime isole abbandonate nella laguna veneta che abbiamo in programma di visitare e un po’ alla volta ci organizzeremo per potervi mostrare e raccontare anche le altre.

Da dove iniziamo? Direi dall’inizio, così da poter rendere l’idea delle fatiche spese per realizzare questa uscita. Chi ormai ci conosce sa che noi siamo una coppia e che spesso ci capita di collaborare con altri Urbex per poter affrontare certe esplorazioni nella massima sicurezza, questa volta oltre la sicurezza quello che ci preoccupa è anche la spesa per realizzare il nostro obiettivo, bé affittare un imbarcazione a Venezia non è cosa proprio conveniente se poi aggiungiamo che di recente hanno messo dei divieti di ormeggio attorno all’isola la cosa risulta ancor più complicata. A questo punto non ci resta che raggiungere Poveglia con un taxi per poi farci riprendere ad esplorazione conclusa, quindi problema ormeggio eliminato, e la questione economica l’abbiamo risolta solo in parte, perché si un taxi costa un po’ di più che noleggiare una piccola imbarcazione ma questo ci permette di trasportare una decina di persone pertanto contatto i nostri fedeli compagni di giochi Zhurbex e Urbex Venezia e a noi si aggiungono anche Esplorazioni Urbane Novara & Dintorni e Mystery Road Team, a questo punto tutto risolto..

È una Sabato piovoso il giorno prescelto, la fortuna però ci assiste perché durante tutta l’esplorazione solo qualche goccia disturba le nostre foto e solo quando avevamo terminato l’esplorazione ed eravamo in attesa che il taxi tornasse a prenderci, ha iniziato a piovere a dirotto.

Non racconteremo quello che abbiamo visto durante l’esplorazione poiché le foto parlano da sole, pero vi diremo una cosa, avete presente tutte le storie che girano attorno a quest’isola? Storie di fantasmi, di maledizioni e presenze oscure che si aggirano per i piani degli edifici…bé non diremo che sono false ma vi possiamo dire che noi non abbiamo visto udito o provato nulla, neanche quando ci trovavamo soli dentro a stanze buie, certo se uno s’impressiona facilmente potrebbe essere che il cervello elabori strane cose, però noi che di natura siamo abbastanza scettici possiamo dirvi che quando siamo stati a Poveglia da noi spiriti e fantasmi non si son fatti vedere.

Vi lasciamo le nostre foto e il video buona visione.

Visita la foto gallery completa.

 

Se ti piacciono i nostri articoli non dimenticare di mettere un like alla nostra pagina Facebook