La Casa delle Favole di Alice Nelly..

Questa villetta, disposta in due piani  apparteneva a due fratelli, Alice e Nellino. Due professori di arte dotati di grande fantasia e bravura. Ad un certo punto della loro vita, decisero di ritirarsi da tutto e da tutti dedicandosi esclusivamente alla loro passione per l’arte, in una casa senza elettricità, gas e pare acqua corrente, i due fratelli realizzarono  una vera casa delle favole, riempiendola di disegni e statue  che nascevano dalla loro fantasia. Ogni parte della casa è decorata. Ci sono molte storie raccontate su di loro, tanto che gli abitanti del paese li consideravano strambi, ma in fondo li hanno sempre ammirati e rispettati, gli anziani narravano ai bimbi che le statue situate in giardino erano trappole per attirarli, catturarli e mangiarli. Non c’era cattiveria in queste storie, faceva parte del gioco, Alice e Nelly erano diventati a loro volta personaggi di una favola.

L’ubicazione di questa casa preferiamo non divulgarla visto che non è stata presa di mira da vandali, sembra ancora abitata da questi due personaggi  fiabeschi e la magia è tale che tutti dovrebbero viverla così com’è…..la nostra esplorazione inizia da un ampio giardino dove siamo circondati da statuette, già qui ci sembra di essere dentro a una fiaba, trovata una porta aperta entriamo nell’edificio, subito travolti in un altro mondo, due stanze alla nostra destra e una alla sinistra, le pareti dipinte ovunque. La nostra attenzione viene catturata subito da una piccola cucina con una specie di stufa per cucinare, anche qui le pareti con vari disegni, due piccole TV su uno c’è disegnato il viso di Pavarotti e su l’altro quello di Katia Ricciarelli, vivevano senza elettricità quindi pensiamo che s’inventassero storie guardando la TV, o semplicemente nel loro progetto andava dipinto tutto. Dalla cucina intravediamo delle scale che ci permettono di salire nelle due stanze da letto, le cose sono un po’ alla rinfusa ma anche qui c’è un mondo disegnato di cose, proviamo a capirne il senso, ma crediamo sia frutto della fantasia o di aneddoti vissuti dai due protagonisti. Troviamo una piccola terrazza e anche qui statue di pietra e decorazioni sulle pareti esterne, è proprio qui che troviamo la scritta “PROGETTO DI ALICE NELLY”. Le sensazioni che proviamo sono tantissime e a volte molto strane, quasi inquietanti, ma siamo giunti alla conclusione, la cosa particolare che abbiamo notato è l’assenza di lavelli o bagni chissà..!
..resterà un mistero come questa casa piena di fascino….

Vedendo questa casa ci ha ricordato questa storia:

C’era una volta…
Due bambini, fratello e sorella, ricevono in dono un castello di carta, con figurine di carta, tra cui una ballerina con un lustrino dorato sul petto e un gruppo di 25 soldatini di stagno. A uno dei soldatini manca un pezzo di gamba perché è stato fuso dopo gli altri, con lo stagno avanzato. Ogni notte, quando i bambini sono addormentati, i loro giocattoli prendono vita.

 Tratta dal libro il soldatino di stagno di Hans Christian Andersen  (probabile suo ispiratore)

 

Vi lasciamo alla visualizzazione delle immagini e se vi è piaciuto il servizio mettete un like alla nostra pagina Facebook

Visita la foto gallery completa