Galileo industrie Ottiche – Marghera – Venezia

La società Galileo ha origini antichissime, fu infatti fondata nel 1831 a Firenze da Giovan Battista Amici, come officina dedita alla produzione di lenti. Numerosi cambi di denominazione e vicissitudini portarono la Galileo ad entrare nell’orbita SADE e di conseguenza ad aprire uno stabilimento a Marghera nel 1937. La Galileo per la natura stessa della produzione non è costituita da enormi edifici in cemento armato ma da una semplice costruzione in mattoni più simile ad una palazzina di abitazioni con ampi cortili interni che ad una fabbrica. La Galileo si afferma negli anni come industria d’eccellenza aprendo sedi in numerosi paesi nel mondo e arrivando ad occupare il 25% del mercato europeo. L’azienda dopo numerosi cambi di proprietà durante gli anni ’90 ha definitivamente chiuso i battenti nel 2000.

Molte sono state le nostre ricerche e molti sono stati i nostri sopralluoghi prima di riuscire ad affrontare questa esplorazione in sicurezza, si parliamo di sicurezza perché come ben si sa chi fa questo mestiere spesso incombe in spiacevoli incontri e i luoghi più a rischio sono le industrie abbandonate. Sappiamo per certo che qui dentro ci vivono personaggi poco raccomandabili e proprio per questo dopo tutte le considerazioni fatte decidiamo di entrare comunque ma se di solito siamo silenziosi, questa volta dobbiamo essere invisibili.
Siamo onesti non siamo riusciti ad esplorare l’intera area, proprio per la presenza degli individui che descrivevamo poc’anzi, però non potevamo mancare questo appuntamento dovevamo a tutti i costi esplorare un’altra delle industrie abbandonate della nostra zona.

Dobbiamo aggiungere che questa azienda, di recente, è stata rimessa in sicurezza. Non sappiamo chi abbia commissionato l’intervento, comune o proprietà, sta di fatto che il perimetro è stato ripulito da erbacce e immondizia, tutti gli accessi sono stati ben chiusi con catene e lucchetti e sopra alle cancellate sono stati installati dei fili spinati. Speriamo che ci sia un progetto di recupero su quest’area.

Visita la foto gallery completa.

Se ti piacciono i nostri articoli non dimenticare di mettere un like alla nostra pagina Facebook